Innovazione

Brevetti e prodotti di successo del PST Sicilia

Il Sacchetto intelligente …è biodegradabile.

pubblicato il: 03/05/2010

Sacchetto intelligenteIl "sacchetto intelligente" è stato pensato per rispondere alla necessità di un comodo contenitore per la raccolta differenziata dei rifiuti umidi domestici. Un contenitore compostabile, che ha anche la proprietà di rendere il compost migliore, grazie all'apporto di lignina.

Per la sua realizzazione viene utilizzata carta biodegradabile al 100% trattata con un polimero naturale, il PHA (o poliidrossialcanoato), prodotto a partire dalla bioconversione di scarti derivanti da diverse lavorazioni industriali, attraverso una fermentazione batterica. Il processo per la produzione del biopolimero è stato messo a punto nei laboratori del PST Sicilia. Il polimero è naturale, si decompone nell'ambiente ed è biocompatibile. Inoltre possiede proprietà antiossidanti e antimicrobiche.

Il nuovo materiale risulta essere assorbente e resistente quanto basta (ha una struttura rinforzata sul fondo che permette il trasporto dei rifiuti organici, senza perdita di liquidi), semimpermeabile, e consente la conservazione dei rifiuti per alcuni giorni fino a destinazione al centro di raccolta.

La carta "respira", favorendo l'attivazione del processo di compostaggio ed evitando l'effetto marcio. Infatti, se il rifiuto umido è sufficientemente ossigenato, si attiva subito il processo di compostaggio, in quanto il rifiuto contenuto nel sacchetto si riscalda e l'acqua, anziché percolare trascinando con sé batteri e cattivi odori, evapora.

Il sacchetto intelligente nasce con l'idea di essere efficacemente utilizzato per la raccolta dei rifiuti umidi da inviare a compostaggio, ma i biopolimeri possono essere utilizzati per trattare altri supporti di differente spessore, consistenza e rigidità (TNT, cartoncino, cartone, tessuti) per ottenere contenitori per diverse destinazioni d'uso.

Innovazione selezionata per Italia degli innovatori n° 178 (Ambiente)

scarica il file in formato PDFScarica l'articolo in formato PDF